TOP
Image Alt

ROMANIA e MOLDAVIA

ROMANIA e MOLDAVIA

/ per person
(0 Reviews)

DATE DI PARTENZA

Mese giorno
Giugno
Luglio 25
Agosto
Settembre 05
Ottobre
Novembre
Dicembre

QUOTA DI PARTECIPAZIONE INDIVIDUALE

Adulti in camera doppia € 1345.00
Adulti in camera singola € 1475.00
Bambini 0-12 anni in 3° e 4° letto € 940.00
Acconto alla prenotazione € 400.00
Assicurazione annullamento * inclusa
Supplemento partenze Luglio ** € 35.00
Supplemento partenze Agosto *** € 70.00
Minimo partecipanti 20
Massimo partecipanti 30

* L’assicurazione copre anche annullamenti causa positività COVID-19

 

LE QUOTE COMPRENDONO
volo di linea in classe economy da Roma Fiumicino, tasse aeroportuali italiane e straniere, 1 bagaglio a mano, 1 bagaglio da stiva, bus gran turismo con distanziamento di legge per tutta la durata del viaggio, sistemazione in hotel 4 stelle come da programma, pensione completa dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo giorno, visite come da programma, accompagnatore/trice professionista per tutta la durata del viaggio, assicurazione RC EuropAssistance, assicurazione annullamento.

LE QUOTE NON COMPRENDONO

adeguamento tasse aeroportuali, pasti non citati da programma, bevande, ingressi durante le visite, extra di carattere personale.

PIANO DEL VIAGGIO

1

Giorno 1 - Bucarest

Appuntamento in aeroporto di Roma Fiumicino. Partenza con volo di linea diretto a Bucarest (su richiesta, possibilità di volo di linea da uno dei maggiori aeroporti italiani). Incontro con la guida per il trasferimento in hotel. Prima della cena, giro panoramico della capitale romena con la Piazza della Rivoluzione e la Piazza dell’Università.
2

Giorno 2 - Bucarest e Galati

Visita della città di Bucarest: metropoli moderna e dinamica, con un fascino unico e tante cose da vedere tra palazzi, chiese, strade e monumenti. Lasciatosi alle spalle ormai definitivamente il durissimo XX secolo, che l’ha vista al centro di guerre, dittature e catastrofici eventi naturali, Bucarest sta provando con tutta sè stessa a rialzarsi, e a mostrare al mondo il suo lato migliore. L’ingresso della Romania nell’Unione Europea del 2007 ha certamente agevolato il compito, portando con sè investimenti che hanno migliorato le infrastrutture e l’aspetto generale della città, che oggi è un mix unico di palazzi novecenteschi, ampi parchi e giardini, e un bel po’ di atmosfera post-sovietica. Bucarest è solitamente la porta d’ingresso al paese, e spesso viene snobbata da chi decide di intraprendere un viaggio in Romania, a favore delle più rinomate città di Sighisoara e Brasov, dei monti Carpazi e dei monasteri della Bucovina. Ma saltarla sarebbe un errore: la capitale si merita una visita, fosse soltanto per visitare l’immenso Palazzo del Parlamento, voluto da Ceausescu per sottolineare le sue manie di grandezza: è l’edificio più pesante del mondo, il secondo più grande del mondo per estensione e il terzo in volume. Pranzo in ristorante e partenza per Galati, La città di Galați situata nella regione storica della Moldavia, a pochi chilometri dai confini moldavo e ucraino. Importante porto sul Danubio, conta circa 250 mila abitanti, molti dei quali lavorano nel settore navale e dell’acciaio. La città risale al XIV secolo, e durante parte della sua esistenza fu assoggettata alla Repubblica di Genova, prendendo il nome di Caladda. Arricchitasi grazie al commercio nel XIX secolo, oggi Galați città piacevole da visitare, grazie anche alle ampie aree verdi di cui dispone. Sistemazione in hotel.
3

Giorno 3 - Valeni e Chisinau

Partenza per la repubblica Moldova (attenzione serve passaporto individuale con validità residua di sei mesi). Visita della visita della Riserva Naturale “Prutul de jos”. La riserva scientifica è un' area protetta, situata nella parte bassa del fiume Prut, particolarmente importante dal punto di vista naturalistico e di biodiversita. Il Lago Beleu è considerato un paradiso naturale, e fa parte del Patrimonio mondiale del Unesco. Proseguimento per Valeni, piccolo villaggio, situato nel sud della Moldova, che promuove le tradizioni popolari, diventato molto famoso grazie ad uno dei suoi cittadini Lidia Bejenaru, che ha interpretato il ruolo principale nella canzone "Bunica Bate Toba" all'Eurovision Song Contest 2005. Durante la visita avremmo l’occasione di conoscerla e ascoltare alcune delle sue canzoni. Un’altra particolarità del villaggio è il "Museo di pane" che si trova nell’agroturismo “Gura Cuptorului”. Qui gli ospiti vengono serviti con il tè di melissa-menta con miele e pagnotta al forno. Pranzo in una tipica dimora Gagauz dei contadini del sec. XIX. Sistemazione in hotel a Chisinau.
4

Giorno 4 - Chisinau, Orheiul Vechi e Cricova

Visita panoramica della città di Chisinau, la capitale della Moldavia, città tutta da scoprire, di gran lunga la città più grande del paese, con oltre mezzo milione di abitanti. E’ il centro nevralgico ed economico del paese, snodo dei trasporti e dell’industria. Nota come Kishinev tra la popolazione moldava di lingua russa, fu fondata nel 1436, anche se fino al XIX secolo rimase un piccolo villaggio di meno di 7000 abitanti. Il suo sviluppo dunque è stato molto recente, e anche per questo motivo in città non ci sono edifici storici e antichi. Partenza per Orheiul Vechi , per scoprire le antiche origini della Moldavia. Uno dei luoghi di interesse più popolari in Moldavia è una zona turistica chiamata Old Orhei (Orheiul Vechi), che si trova sul fiume Raut (Răut Rău). Si tratta di un patrimonio nazionale, che si trova a circa 60 km dalla capitale Chisinau, tra tre villaggi: Butuceni, Morovaia e Trebujeni. Orhei Vechi è un complesso archeologico e storico, composto da due musei molto antichi, un'antica chiesa rupestre e diversi alberghi privati in stile tradizionale, situati nei villaggi di Butucheni e Trebujeni. La vecchia Orhei è un luogo eccezionalmente tranquillo e delizioso, con paesaggi impressionanti e un enorme sfondo storico che portano i turisti a scoprire le antiche radici della Moldova. Pranzo in agriturismo per assaporare la cucina tradizionale. Prima del rientro in hotel visita con degustazione di vino nella cantina Cricova. Le gallerie sotterranee sono composte da circa settanta strade, con 120 km di sotterranei che raggiungono una profondità di 100 metri e si conservano 1.250.000 bottiglie da collezione anche di vari privati. La visita si svolge a bordo di un trenino e si percorrono strade ed incroci che hanno le denominazioni dei vini più famosi (Strada Sauvignon, Cabernet, Pinot, Feteasca, Aligote).
5

Giorno 5 - Monastero di Capriana, Iasi e Piatra Neamt

Partenza per il monastero di Capriana, culla della cultura moldava, considerato uno dei più antichi del Paese, è stato istituito sei secoli fa nel 1429 nel cuore del maestoso bosco di Codru. Non dovrebbe sorprendervi, ma quasi tutti i cittadini moldavi conoscono questo monastero come luogo religioso da visitare quando si tratta di pace interiore, libertà di pensiero e recupero. E' circondato dai più bei massicci forestali, il che rende l'atmosfera intorno molto speciale e tranquilla. Questo monastero potrebbe essere considerato il più importante, essendo stato per lungo tempo la residenza del metropolita della Moldavia. Il Monastero di Capriana ha un valore essenziale per la storia moldava, come dimostra anche la sua immagine sulla banconota di "One Lei". Il fatto che la più grande biblioteca monastica è stata salvata nel monastero di Capriana rende questo luogo davvero eccezionale. Si dice molto spesso che qui è la culla della cultura moldava, cioè la lingua, l'architettura e la musica. Rientro in Romania. Sosta a Iasi per il pranzo e la visita. Seconda città della Romania per numero di abitanti, dopo Bucarest, chiamata anche la città delle 7 colline. E’ stata la capitale della regione Moldavia (compresa la Repubblica Moldova) dal 1564 al 1859, capitale insieme a Bucarest delle province unite, Muntenia e Moldavia, capitale del Regno di Romania dal 1916-1918. E’ un importante centro culturale, economico e accademico con le sue 4 università statali e 7 private. Nel 1870 fu creata la prima università moderna della Romania, Alessandru Ioan Cuza, che dava continuità alla più antica università Vasiliana, fondata dal principe Vasile Lupu nel 1640, trasformata in Accademia Principesca dal principe Antioh Cantemir, nel 1707. Come a Bucarest, anche qui l’aspetto della città è contrastante, bei palazzi neorinascimentali e neoclassici, monasteri antichi, centri commerciali in vetro e acciaio, parchi ma anche costruzioni dell’epoca comunista. Sistemazione in hotel a Piatra Neamt. La città, per la sua bellezza e per la posizione che occupa nel distretto omonimo, è comunemente detta Perla Moldovei (la perla della Moldavia).
6

Giorno 6 - Le Gole di Bicaz, Sighisoara e Brasov

Partenza per Brasov attraverso le Gole di Bicaz, uno spettacolare ponte di collegamento tra la Transilvania e la Moldavia, nella parte centrale delle montagne di Hășmaș dei Carpazi orientali. Il fiume Bicaz ha scavato per millenni nella dura pietra della montagna, riuscendo così ad attraversarla ed a creare un paesaggio monumentale di una bellezza sconcertante. Dopo aver rimosso la coperta di calcare, il fiume Bicaz e i suoi affluenti (Cupaşul, Lapoşul, Bicăjelul e Şugăul), quando incontrarono barriere calcaree che non potevano essere penetrate, riuscirono a infiltrarsi nel sottosuolo, creando un'erosione dall'interno e quindi spaccando alcuni pendii come visto nella zona delle Serpentinele Mari. Il paesaggio carsico, composto da miscele di diaspri, ceneri vulcaniche, conglomerati, marne e arenarie, rocce di diversi colori e forme, rappresenta uno dei percorsi turistici più impressionanti e spettacolari dei Carpazi. Le Gole scolpite nella pietra sono circondate da pareti verticali di 300-400 metri, mentre le affascinanti serpentine sono come dei trucioli abbandonati nelle rocce che serpeggiano attraverso le maestose montagne. Arrivo a Sighișoara, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è la città più romantica della Romania grazie al suo grazioso borgo medievale, piazze caratteristiche e antiche mura. Fondata dai Sassoni alla fine del XII secolo, raggiunge il suo massimo splendore nel XV secolo quando diventò una città libera. Questo gioiello architettonico ha 9 torri delle 14 originarie, possenti bastioni, case medievali e un magico mix di tortuose viuzze acciottolate, ripide scalinate, piazzette appartate e un cittadella incantevole conservata. Ma Sighișoara è nota anche per essere la città natale del Principe della Valacchia Vlad Tepes L’impalatore, ispiratore del famoso romanzo di Bram Stoker, Dracula. Proseguimento per Brasov, città nella regione romena della Transilvania, circondata dai Carpazi. È nota per le mura e le roccaforti medievali sassoni, per l'altissima Chiesa Nera in stile gotico e per i vivaci caffè. La piazza Piaţa Sfatului, nel centro storico acciottolato, è circondata da colorati edifici in stile barocco e ospita la Casa Sfatului, ex municipio trasformato in museo sulla storia locale. Sistemazione in hotel.
7

Giorno 7 - Bran, Sinaia e Bucarest

Partenza per Bran, piccolo comune della Romania di poco più di 5.000 abitanti; formato dall’unione di ben cinque caratteristici villaggi: Bran, Poarta, Predeluț, Șimon, Sohodol. Questo piccolo comune è diventato molto famoso per via del fatto che ospita il Castello di Bran, altrimenti conosciuto come Castello di Dracula, una delle maggiori attrazioni turistiche della Transilvania e di tutta la Romania. Dopo ilpranzo in ristorante proseguimento per Sinaia, definita la "perla dei Carpazi". Visita del Castello di Peles, situato a pochi metri dal centro di Sinaia, costruito tra il 1875 e il 1883 per volere di re Carlo I, considerato da molti tra i più belli d’Europa, è stato il primo tra gli europei ad essere interamente illuminato dalla corrente elettrica. Il castello è stato la residenza estiva della famiglia reale fino al 1947 e le 160 stanze dell’edificio, solo 10 visitabili, sono impreziosite da impressionanti lampadari in vetro di Murano, affreschi, ricami in seta e molti altri lussi. L’ingresso è decorato con sculture in noce e bassorilievi mentre il soffitto di vetro è mobile e si apre sul cielo. Sistemazione in hotel a Bucarest.
8

Giorno 8 - Aeroporto di Bucarest e sede di partenza

Trasferimento in aeroporto di Bucarest per il disbrigo delle formalità d’imbarco e la partenza del volo diretto a Roma Fiumicino (o uno dei maggiori aeroporti italiani). Arrivo in Italia, trasferimento libero per la sede di partenza.

Tour Location

0.0
Rating 0
Comfort 0
Food 0
Hospitality 0
Hygiene 0
Reception 0

Post a Comment