TOP
Image Alt

EREMO di SANTA MARIA GIACOBBE a PALE di Foligno

EREMO di SANTA MARIA GIACOBBE a PALE di Foligno

/ per person
(0 Reviews)

UN’ESPERIENZA MISTICA A CONTATTO CON LA NATURA

Quota di partecipazione € 70.00

bus gran turismo con distanziamento di legge

pranzo in ristorante bevande comprese

accompagnatrice/tore professionista

offerta all’Eremo

ingresso alle Grotte della Badessa e visita con speleologo

PIANO DEL VIAGGIO

1

25 luglio 2021

Partenza alle ore 08.00 da Piazza Dante Chiusi (Si). Arrivo a Pale per la visita dell'Eremo di Santa Maria Giacobbe. Chi viaggia per la strada statale 77 avvicinandosi a Pale , rimane colpito da un Eremo protetto in un incavo tra le rocce dell’aspra montagna del Sasso di Pale. Del Santuario, si hanno notizie dal 1295 quando nel censimento delle chiese della Diocesi di Foligno viene menzionato per la prima volta il santuario di Santa Maria Giacobbe in Pale, è uno dei numerosi Santuari Terapeutici di frontiera della montagna folignate. Partendo dal paese di Pale dopo aver costeggiato l’omonimo monte, seguendo una piccola strada in salita segnata con 14 stazioni della Via Crucis si giunge all’Eremo di S. Maria Giacobbe ad un’altezza di 525 metri s.l.m. da cui si gode uno splendido panorama. Una volta giunti alla piccola spianata si scorge la chiesa di piccole dimensioni, sulla cui facciata si apre una porta inserita in un arco a tutto sesto ed una piccola finestra, e si scorge una piastrella dove si legge la data di un restauro avvenuto nel 1712, mentre sul tetto si trova un grazioso campanile a vela. L’intero complesso è in parte inserito in una cavità naturale del monte che lo sovrasta e in parte ne costituisce l’abside. L’interno presenta numerosi affreschi, alcuni dei quali particolarmente suggestivi, che possiamo distinguere in pitture votive e pitture ornamentali che talvolta, pur nella loro semplicità dimostrano anche una certa ricercatezza progettuale ed iconografica. Dopo la visita effettuata da personale interno, con una passeggiata dentro il rigoglioso bosco si arriva al piccolo paese di Ponte Santa Lucia per il pranzo in ristorante. Nel pomeriggio passeggiando lungo le rive del fiume si giunge in piazza del piccolo borgo di Pale che ospita le Grotte dell'Abbadessa: le acque del fiume e quelle di infiltrazione hanno dato origine ad un interessante fenomeno carsico ipogeo: Le Grotte di Pale. Queste grotte erano chiamate nel XII secolo ‘Grotte dell’Abbadessa’ e vennero visitate da Cristina Regina di Svezia e Cosimo III Serenissimo gran Duca di Toscana. Esse sono divise in diverse cavità, la prima considerata un vero gioiello di architettura è detta ‘Camera del laghetto’, ha una forma circolare ed un’altezza di 8-9 metri; dalla volta a forma di cupola pendono stalattiti e al centro sono presenti pilastri stalagmitici che formano 4-5 colonne di forma perfetta. Qui in epoche passate si raccoglievano le acque del fiume Menotre durante la piena . Un cunicolo porta alla ‘Camera delle Colonne a Terra’ dove si nota un stalagmite a forma di leone, numerose stalattiti che sembrano drappi e delle imponenti colonne centrali. La nostra passeggiata prosegue proprio verso le Cascate del Menotre situate a brevissima distanza. Prima del nostro rientro in sede faremo una sosta per la visita libera della meravigliosa Rasiglia. Rientro in serata.

Tour Location

0.0
Rating 0
Comfort 0
Food 0
Hospitality 0
Hygiene 0
Reception 0

Post a Comment