TOP
Image Alt

ALLA SCOPERTA DEL PORTOGALLO

ALLA SCOPERTA DEL PORTOGALLO

/ per person
(0 Reviews)

In un Paese dove le distanze sono brevi, sarà facile passare dall’impetuoso Oceano Atlantico, alla vita notturna delle città e perfino al silenzio assordante dei Monasteri. Un viaggio con l’auto a noleggio del Portogallo saprà regalarvi forti emozioni spesso contrastanti tra di loro.

 

PERIODO DI EFFETTUAZIONE

tutto l’anno

 

POSSIBILITA’
di riduzione giorni di viaggio

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE INDIVIDUALE a partire da 

Adulti in camera doppia € 675.00
Adulti in camera singola € 975.00
Bambini 0-12 anni in 3° e 4° letto € 475.00
Acconto alla prenotazione € 200.00
Quota volo di linea a partire da ** € 175.00
Assicurazione annullamento * € 65.00
Assicurazione ann.to bambini * € 35.00
Minimo partecipanti 02

* L’assicurazione copre anche annullamenti causa positività COVID-19

** Quota volo di linea in classe economy a/r a persona, dai maggiori aeroporti italiani, con solo bagaglio a mano, tasse aeroportuali incluse

*** Quotazione su richiesta Ponti e Festività annuali

 

LE QUOTE COMPRENDONO
noleggio auto gruppo mini (Fiat 500 o similare) con ritiro e consegna in aeroporto di Lisbona, chilometraggio illimitato, oneri aeroportuali, assicurazioni di base, sistemazione in hotel 4 stelle nella tipologia di camera prescelta come da programma, prima colazione, assicurazione RC EuropAssistance, assistenza di personale specializzato.

LE QUOTE NON COMPRENDONO

volo di linea, assicurazioni facoltative sul noleggio auto (da regolare sul posto),tassa di soggiorno ove prevista, pasti, bevande, ingressi durante le visite, extra di carattere personale, assicurazione facoltativa annullamento.

PIANO DEL VIAGGIO

1

Giorno 1 - Lisbona e Fatima

Arrivo all'aeroporto internazionale di Lisbona. Ritiro dell'auto a noleggio ed inizio del vostro viaggio alla scoperta del Portogallo. Sistemazione in hotel a Fatima. Indipendentemente dal vostro credo religioso, non potrete rimanere indifferenti davanti alla grande fede che ogni anno conduce sei milioni di persone fino alla radura dove, il 13 maggio 1917, la Vergine Maria sarebbe apparsa per la prima volta a tre pastorelli stupefatti (vedi qui). Dove un tempo pascolavano le pecore oggi sorgono due chiese gigantesche collocate alle estremità opposte di un'ampia spianata lunga 1 km. Dal punto di vista estetico, è difficile apprezzare l'architettura anonima e monolitica della città dove, al di fuori dalle date principali di pellegrinaggio (il 12 e il 13 di ogni mese da maggio a ottobre), nel resto dell'anno gli ampi parcheggi che circondano le basiliche offrono uno spettacolo di desolazione. Eppure sui pellegrini di fede cattolica Fátima esercita un fascino magnetico come pochi altri posti al mondo, e una visita a questa località è indispensabile per capire appieno la cultura religiosa del Portogallo.  
2

Giorno 2 - Bathala e Alcobaca

Partenza per Bathala: questa straordinaria abbazia fu eretta per commemorare la battaglia di Aljubarrota del 1385 (combattuta un po'più a sud). Buona parte del monumento fu portato a termine entro il 1434 in stile gotico fiammeggiante, ma è l'esuberanza dello stile manuelino, presente negli elementi aggiunti nel XV e nel XVI secolo, a rubare la scena. Proseguimento per la piccola città di Alcobaça, con il suo centro incantevole, per quanto spesso invaso dai turisti, con un minuscolo fiume attraversato da ponti graziosi. Tuttavia, il vero motivo di interesse per spingersi fin qui è il magnifico Mosteiro de Santa Maria de Alcobaça del XII secolo, uno dei più importanti siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO di tutto il Portogallo. Rientro in hotel a Fatima.
3

Giorno 3 - Castello de Vide

Vista di Castelo de Vide: arroccato su un'altura che domina una distesa di verdeggiante campagna ondulata, Castelo de Vide è uno dei villaggi più belli e meno conosciuti del Portogallo. La splendida posizione elevata, le abbaglianti case bianche, i vicoli traboccanti di fiori e la sua fiera popolazione offrono motivi più che sufficienti per visitarlo. Il villaggio non possiede molte attrattive turistiche, né d'altra parte ne ha bisogno. Lasciatevi catturare dall'atmosfera per un giorno e una notte; nelle ore del crepuscolo e della prima mattina il paese vi si rivelerà in tutto il suo incanto. Incontrerete signore anziane intente a fare la calza sedute sulla soglia di casa, bambini che giocano nei vicoli, vicini che chiacchierano da un davanzale all'altro. Castelo de Vide è celebre per l'acqua minerale che sgorga pura e cristallina dalle numerose e aggraziate fontane pubbliche; molte fontane sono circondate da giardinetti recintati da siepi. Rientro in hotel a Fatima.
4

Giorno 4 - Coimbra

Partenza per Coimbra: capitale medievale del Portogallo per più di un secolo e sede della migliore università del paese negli ultimi cinque secoli, Coimbra gioca un ruolo determinante nella storia portoghese. Il suo centro storico, adagiato sul versante di un'altura che digrada fino alla sponda orientale del Rio Mondego, è formato da una serie di edifici costruiti nel corso di quasi un millennio. Se visitate Coimbra durante l'anno accademico, respirerete la sua tipica atmosfera universitaria. Gli studenti affollano i bar e i caffè del centro storico, e ovunque ci sono manifesti che promuovono seminari sugli argomenti più disparati, dalla genetica al genocidio, e graffiti disegnati sui muri delle repúblicas (residenze studentesche) che affrontano i temi politici più scottanti. Se visitate Coimbra ai primi di maggio non perdetevi la Queima das Fitas, una settimana di festeggiamenti con musica dal vivo tutte le sere. Durante le serate estive fate una passeggiata per le strade della città vecchia, quando tra i muri in pietra echeggiano le note metalliche della guitarra portoghese e le voci profonde dei cantanti di fado. Facendo due passi fuori dal centro storico, si può apprezzare il lato moderno della città: un nuovo parcheggio in riva al fiume con bar e ristoranti, una passerella pedonale che attraversa il Rio Mondego e grandi centri commerciali che offrono tutto ciò che si può trovare in una qualsiasi altra importante città europea. Sistemazione in hotel.  
5

Giorno 5 - Porto

Partenza per Porto: vista dal Rio Douro al tramonto, la romantica Porto assomiglia a una città delle fiabe. Un variopinto sogno che si sviluppa sui fianchi di un'altura con edifici medievali, svettanti campanili, arzigogolate chiese barocche e maestosi palazzi beaux-arts uno dopo l'altro, illuminati dai raggi del sole. Socchiudendo gli occhi si riescono a distinguere le finestre aperte, le strette viuzze e le scalinate che pare non conducano in alcun luogo. Il centro storico di Porto è il quartiere della Ribeira, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, dove i tripeiros (gli abitanti di Porto) si radunano di fronte a vecchie vetrine, in piazze che ricordano quelle dei villaggi e nelle botteghe le cui fondamenta celano rovine romane. Per contro, qui come in altre parti del centro si incontrano edifici del primo Novecento che vanno in rovina, mentre chi se lo può permettere preferisce andare a vivere nelle caotiche periferie vicino al mare. Eppure, nonostante qualche segno di decadimento, negli ultimi vent'anni Porto ha conosciuto una rinascita straordinaria, come testimoniano il brusio dell'efficiente metropolitana e gli ambiziosi progetti del Museu de Arte Contemporânea di Álvaro Siza Vieira e della Casa da Música di Rem Koolhaas. In tempi più recenti, l'arrivo delle compagnie aeree low cost ha trasformato Porto in una delle mete preferite per il fine settimana, innescando una rapida espansione del settore turistico. Culturalmente, Porto è ben più importante di altre città anche di maggiori dimensioni. Il luogo di nascita del porto è da tempo la mecca degli intenditori di vino e le cantine sul lungofiume della vicina Vila Nova de Gaia se ne contendono l'attenzione offrendo degustazioni. Grazie ai nuovi ristoranti inaugurati con regolarità, anche il panorama gastronomico si sta facendo sempre più cosmopolita, mentre i numerosi e ottimi locali consentono agli abitanti di assistere a concerti di artisti di fama mondiale di rock, jazz e musica elettronica. Nelle calde sere estive molte piazze si animano quasi fossero grandi feste di quartiere. Naturalmente, vi perdoneremo se invece ricorderete con maggiore soddisfazione i momenti di quiete: lo sciabordare delle acque del Douro contro le banchine; lo schiocco della biancheria che asciuga al vento; i passi strascicati di una vedova sull'acciottolato; il tintinnio dei bicchieri di vino sotto la luna piena; il discreto abbraccio dei giovani innamorati sul lungofiume, sul muretto di una fontana, in una nicchia cadente ricoperta di graffiti. Sistemazione in hotel.
6

Giorno 6 - Braga

Visita di Braga: la terza città del Portogallo per dimensioni è un elegante centro attraversato da antichi vicoli chiusi al traffico automobilistico e disseminato di piazze e di splendide chiese barocche. Il costante rintocco delle campane che risuona per le vie rende subito evidente quanto l'antico legame con il mondo spirituale sia ancora vivo e profondo a Braga, le cui festività religiose, in particolare le elaborate celebrazioni della Semana Santa, sono famose in tutto il Portogallo. Da Braga non aspettatevi però solo religiosità e devozione: l'esclusivo centro storico cittadino pullula di animati caffè e di belle boutique, oltre ad alcuni ottimi ristoranti e bar più informali, frequentati dagli studenti dell'Universidade do Minho. In effetti, si tratta di una città giovane che nel 2012 è stata dichiarata Capitale Europea della Gioventù. Appena fuori città, il magnifico santuario di Bom Jesus do Monte, sul fianco di una collina, è una nota meta di pellegrinaggio. Rientro in hotel a Porto.
7

Giorno 7 - Nazaré

Partenza per Nazaré: con un intreccio di vicoli stretti e lastricati che scendono giù verso un'ampia spiaggia antistante la scogliera, Nazaré è la località balneare più suggestiva dell'Estremadura. In luglio e agosto la spiaggia è completamente ricoperta di ombrelloni multicolori, tuttavia l'atmosfera di festa non è limitata al periodo estivo. Nazaré infatti è anche una delle principali destinazioni del Portogallo per le feste di Capodanno e di Carnevale. Il centro cittadino pullula di ristoranti di pesce, bar e donne del posto vestite in abiti tradizionali che offrono camere in affitto, in particolare nei pressi di Av da República che costeggia il mare. Per una prospettiva diversa sulla cittadina, prendete la funicolare che conduce alla sommità del Promontório do Sítio: dalla cima della scogliera si ammirano infatti splendidi panorami del litorale. In anni recenti Nazaré è apparsa sulle prime pagine dei giornali per le onde gigantesche che raggiungono la costa immediatamente a nord della città e per le imprese da record dei surfisti coraggiosi che le cavalcano. Sistemazione in hotel.
8

Giorno 8 - Obidos e Lisbona

Partenza per Obidos: circondato da classiche mura merlate, il suo magnifico centro storico è un labirinto di strade lastricate e di case imbiancate a calce, adornate di fiori e ravvivate da macchie di colori nei toni del giallo e del blu. Chi ama le cittadine di collina e cerca di apprezzare le qualità "fuori dal tempo" di Óbidos potrà trovare la strada principale esageratamente turistica, ma se ci si allontana verso zone meno frequentate si può cogliere l'atmosfera più autentica della cittadina. Ci sono graziosi angolini anche fuori dalla cinta muraria. La porta di accesso principale della città, Porta da Vila, conduce direttamente alla strada principale, Rua Direita, fiancheggiata da negozi che vendono il tipico liquore alla ciliegia e cioccolato. Proseguimento per Lisbona. Sistemazione in hotel.
9

Giorno 9 - Lisbona

Intera giornata dedicata alle visite della città di Lisbona. Tra ricchezze coloniali, incendi, pestilenze, uno dei terremoti più devastanti della storia, colpi di stato, la più lunga dittatura d’Europa e la più grave crisi finanziaria dai tempi della Grande Depressione, Lisbona ha indubbiamente avuto i suoi alti e bassi. Ma qualunque cosa accada, la seconda capitale più antica d’Europa non molla e riesce miracolosamente a riemergere da ogni crisi migliore e più bella di prima. Secondo la leggenda, il primo a giungere in questi luoghi fu Ulisse; quel che è certo è che i fenici si stabilirono qui 3000 anni fa e chiamarono la loro città Alis Ubbo (Riva Deliziosa). Presto anche altri popoli scoprirono le sue bellezze: i greci, i cartaginesi e, nel 205 a.C., i romani, che si trattennero in città fino al V secolo d.C. Dopo un periodo di lotte tribali, nel 714 la città fu conquistata dai mori provenienti dal Nord Africa, che la chiamarono Lissabona, la circondarono di mura e tennero lontani i cristiani per 400 anni.
10

Giorno 10 - Sintra e Cabo de Roca

Visita di Sintra: con alture ondulate, foreste umide di rugiada e una fitta vegetazione di felci e licheni, giardini esotici e magnifici palazzi, Sintra sembra essere proprio uscita da un libro di fiabe. Il centro storico, Sintra-Vila, tutelato dall'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità, è una tavolozza di sontuose residenze dai colori pastello avvolte tra le lussureggianti colline che digradano verso l'azzurro Atlantico. Qui i celti adoravano la Luna, i mori costruirono un castello a strapiombo e nel Settecento i reali portoghesi passeggiarono negli incantevoli giardini. Persino Lord Byron non restò indifferente al fascino di questa località, di cui cantò le lodi nel poema epico Il pellegrinaggio del giovane Aroldo: "Lo! Cintra's glorious Eden intervenes, in variegated maze of mount and glen" (Guardate! Ecco apparire il glorioso Eden di Sintra, un variegato labirinto di monti e vallate). A ovest di Sintra si trova Cabo de Roca: scogliere a strapiombo e ampie baie a forma di mezzaluna battute dalle onde dell'Atlantico; già sede dei Campionati Europei di Surf, Praia Grande richiama surfisti e bodyboarder con le sue grandi spiagge sabbiose su cui si frangono rapidi cavalloni. Inerpicandosi su per le scogliere si possono vedere impronte fossili dei dinosauri. Lungo il tragitto verso le spiagge, si può fare una piacevole sosta a Colares, affascinante villaggio fuori dal tempo in cima a un crinale che offre splendidi panorami e famoso per i vini, prodotti fin dal XIII secolo. Splendido e selvaggio, il Cabo da Roca (Capo di Roccia) è un promontorio a picco sul mare, alto 150 m che si protende nelle impetuose acque 18 km a ovest di Sintra. È il punto più occidentale d'Europa e un luogo magnifico da cui ammirare il tramonto. Rientro in hotel a Lisbona.
11

Giorno 11 - Lisbona

Altra giornata a disposizione per le visite libere di Lisbona.
12

Giorno 12 - Italia

Trasferimento in aeroporto di Lisbona, rilascio dell'auto a noleggio e volo di rientro in Italia. Fine dei nostri servizi.

Tour Location

0.0
Rating 0
Comfort 0
Food 0
Hospitality 0
Hygiene 0
Reception 0

Post a Comment